Azione 2 – Caratterizzazione genetica delle razze e delle specie autoctone allevate in Italia

Il progetto prevede la caratterizzazione genetica di razze autoctone di pollo e tacchino con marcatori molecolari SNPs e microsatelliti.

Task 2.1 – Caratterizzazione genetica con marcatori SNPs

Lo studio dedicato alla caratterizzazione genetica delle razze autoctone di pollo e tacchino incluse nel Registro Anagrafico Avicoli ha lo scopo di valutare la variabilità genetica intra e tra razze, la struttura genetica delle popolazioni e la filogenesi delle razze stesse. Si prevede di considerare 25 capi per razza individuati nei nuclei conservati presso i partner e/o aziende agricole private. Oltre a tutte le razze elencate in Tabella 1, si prevede di campionare anche le razze di pollo Romagnola e Modenese e la razza di tacchino Romagnolo (totale 17 razze di pollo e 5 di tacchino). Si prevede di utilizzare marcatori polimorfici ai singoli nucleotidi (SNPs 600K) specie specifici disponibili in commercio (Affymetrix, USA).

Il partner UniPD è incaricato della raccolta di campioni biologici, della genotipizzazione e dell’analisi dei genotipi delle razze di pollo e il partner uniMI delle stesse attività per le razze di tacchino.

Tabella 1 – Razze autoctone di pollo e tacchino sottoposte a caratterizzazione genetica

Partner Razze di pollo Razze di tacchino
UniMI Mericanel della Brianza Brianzolo, Nero d’Italia
UniFI Mugellese, Valdarnese bianca .
UniPD Ermellinata di Rovigo, Robusta Maculata, Robusta Lionata, Padovana, Polverara, Pepoi, Millefiori di Lonigo Bronzato, Ermellinato di Rovigo
UniPG Ancona, Livorno
UniPI Livorno, Siciliana
UniTO Bianca di Saluzzo, Bionda Piemontese

Task 2.2 – Caratterizzazione genetica con marcatori microsatelliti

Lo studio dedicato alla caratterizzazione genetica con marcatori microsatelliti (panel FAO, 2011) è finalizzato alla gestione delle popolazioni nucleo delle razze di pollo e tacchino conservate presso i partner (Tabella 1), ad eccezione delle razze lombarde di tacchino numericamente limitate. Questo studio ha lo scopo di valutare la variabilità genetica entro nuclei di conservazione al fine di studiarne la ricchezza genetica in termini di frequenze alleliche, eterozigosi attesa ed osservata. Si prevede di genotipizzare almeno 80 capi (60F+20M) per razza.

Il partner UniTO è incaricato della raccolta di campioni biologici e della genotipizzazione.

This post is also available in: Inglese