Siciliana

Origine geografica: Sicilia

Attuale consistenza: Scarsamente diffusa (Zanon e Sabbioni, 2001)

 

Notizie storiche

Si tratta di una razza di pollo di media mole distribuita in Sicilia. Non è possibile conoscere con certezza il suo periodo di nascita, ma questo magnifico animale della bassa corte, con la sua tipica cresta a coppa, viene già raffigurato in manufatti di epoca greca e romana.

Numerose riproduzioni artistiche di questa razza, risalenti al sedicesimo secolo, possono essere osservate nei Musei Vaticani, nella Galleria Borghese a Roma e nella galleria degli Uffizi a Firenze. Nel settecento la razza era molto diffusa, soprattutto nelle corti reali e nobiliari, ed il Principe Galletti di origine pisana, trasferitosi in Sicilia a seguito delle persecuzioni, la volle inserita negli affreschi che adornavano il suo palazzo di San Cataldo (Cl). Per l’assimilabilità della cresta a coppa di tale razza ad una corona, tale animale fu inoltre inserito nello stemma della casata e la città stessa fu resa custode di questa razza.

Ida Giavarini (1983) riporta che nel 1862 un nutrito gruppo di soggetti destinati a rifornire la mensa dei marinai partì sulla nave del Capitano Daves alla volta di Boston. Durante il viaggio le galline si dimostrarono ottime ovaiole e furono quindi risparmiate per essere sottoposte ad allevamento in selezione.

La razza viene descritta più volte da Alessandro Ghigi, il quale la allevò per diverse generazione presso la Stazione di Pollicoltura di Rovigo e nel suo libro, “Trattato di Avicoltura” (1968), la disegna come un’Italiana a tarsi grigio-lavagna ed orecchione rosso, con cresta a coppa ben sviluppata. Lo stesso autore continuandone la descrizione, fa risalire le origini di questa razza all’incrocio di polli comuni delle campagne siciliane con soggetti di razze di polli provenienti dall’Africa settentrionale, quali ad esempio la Tripolina, che presenta anch’essa la tipica cresta doppia e tarsi che variano dal giallo al grigio-lavagna, passando per il verde.

Con l’avvento dell’avicoltura industriale, come molte razze di origine italiana, anche la siciliana ha visto un progressivo declino che, secondo alcune fonti, la ha portata alla totale scomparsa nel suo paese di origine (Giavarini 1983) mentre, secondo altre più recenti e locali viene indicato il salvataggio di alcune popolazioni di questa razza da parte di allevatori rurali della Sicilia centrale.

Descrizione della razza

I soggetti di questa razza sono estremamente vivaci, molto precoci e con spiccata attitudine alla deposizione di uova a guscio bianco dalla caratteristica forma allungata con i due poli ben evidenti. Il piumaggio è abbondante ed aderente al corpo. Le siciliane sono caratterizzato dalla tipica cresta a coppa; questa inizia come cresta semplice alla base del becco per acquisire la forma a coppa dopo il primo o secondo dente. Le due parti della cresta, con una dentellatura più regolare possibile, sono formate in maniera tale che la coppa che ne risulta sembra chiusa sulla parte posteriore. Nella gallina in deposizione la cresta può piegarsi su un lato.

La testa è elegante ed arrotondata, abbastanza larga e profonda con bargigli di media grandezza ed orecchioni interamente rossi o lievemente screziati di bianco. Il collo è ben arcuato e ricoperto da una folta mantellina.

Il tronco è di grandezza media e raccolto, dotato di un dorso largo e non troppo lungo e di un ventre ben sviluppato ed arrotondato. La coda, portata alta fino a formare con la schiena un angolo retto, è abbastanza larga e con timoniere mediamente lunghe. Le gambe sono di media grandezza ben staccate dal tronco con tarsi sottili e moderatamente lunghi di colore verde salice.

La documentazione storica descrive la livrea tipica di questa razza come “Dorata”, che non è assimilabile alla attuale collo oro descritta negli standard, ed ad oggi la FIAV ed AIA riconoscono le colorazioni: collo oro, bianca, nera e blu.

Principali caratteristiche dei riproduttori adulti di razza Siciliana

Peso gallo Peso gallina Peso uovo N. uova/anno Fertilità Schiusa/fertile
1,8-2,2Kg 1,4-1,6Kg Min.45g 190-200 95-98% 80-85%

This post is also available in: Inglese