Università degli studi di Pisa

La nascita ufficiale dell’Università di Pisa risale al 3 settembre 1343 quando Papa Clemente VI, con la bolla “In supremae dignitatis” emessa a Villanova presso Avignone, concesse allo Studio Pisano il riconoscimento di Studio Generale dotato degli insegnamenti di teologia, diritto canonico e civile, medicina “et qualibet alia licita facultate”. Nel 1589, dopo esserne stato studente, Galileo Galilei fu docente di Matematica dell’Ateneo per tre anni, prima di trasferirsi a Padova. La legge 31 luglio 1862 riconobbe l’Ateneo pisano come una delle sei Università primarie nazionali, insieme a Torino, Pavia, Bologna, Napoli e Palermo, e fu riconosciuta come Ateneo di rango anche dalla riforma Gentile nel 1923. Tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi anni del Novecento insegnarono a Pisa eminenti docenti tra cui i giuristi Francesco Carrara e Francesco Buonamici, i filologi Domenico Comparetti e Giovanni D’Ancona, gli storici Pasquale Villari, Gioacchino Volpe e Luigi Russo, il filosofo Giovanni Gentile, l’economista Giuseppe Toniolo, i matematici Ulisse Dini e Antonio Pacinotti. Nel 1969 a Pisa è nato il primo corso di laurea in informatica e nel 1983 il primo corso di dottorato in informatica. A seguito della Riforma Gelmini l’Ateneo Pisano sta vivendo un periodo di profondo cambiamento, a cominciare dall’adozione del nuovo Statuto e dal nuovo assetto che ha visto la nascita di nuove strutture Dipartimentali. In cifre l’Ateneo dispone di 20 Dipartimenti, 17 biblioteche e 13 musei e collezioni; al 31 dicembre 2016 contava oltre 50.000 studenti iscritti, 1.295 docenti e 1.537 tecnici-amministrativi. Nell’a.a. 2016/17 ha attivato 58 corsi di laurea di I livello, 65 di II livello, 9 a ciclo unico, 21 corsi di dottorato, 51 scuole di specializzazione e 67 master. Nel 2016 ha conferito 6.925 lauree e 202 diplomi di dottorato di ricerca, 257 di scuole di specializzazione, 481 di master di I livello e 320 di II livello.

Il Dipartimento di Scienze Veterinarie (DSV) dell’Università di Pisa organizza attività di ricerca, formazione e terza missione nell’area delle Scienze Veterinarie e vede attivi, in una logica multidisciplinare, i Settori Scientifico Disciplinari delle Aree Vet, Agr, e Bio.

L’attuale sede principale del DSV (Ex Facoltà di Medicina Veterinaria) è stata inaugurata nel 1965 e si trova a Pisa in Viale delle Piagge 2. Il 1° marzo 2000 è stato inaugurato a San Piero a Grado (PI) il primo lotto della sede del Dipartimento di Clinica Veterinaria. Oggi in tale sede è presente e attivo l’Ospedale Didattico Veterinario. L’Ateneo prevede di trasferire l’intero DSV nella sede di San Piero a Grado, con la realizzazione di nuovi edifici che ospiteranno sia le attività di ricerca sia quelle didattiche. Sempre a San Piero a Grado è presente il podere Le Querciole, altra sede distaccata del DSV e sede, fin dagli anni ’70, della Cattedra di Zoocolture e dell’allevamento avicolo, finalizzata oltre che al supporto dell’attività didattica, all’attività di ricerca in ambito delle piccole specie e alla conservazione di popolazioni avicole di valenza genetica, attualmente rappresentate da ceppi autoctoni degli anni ’50 di razze di interesse ministeriale della specie Gallus gallus, gestite all’aperto nelle strutture dell’allevamento.

Il DSV si avvale, per le sue attività formative e di ricerca, anche delle strutture aziendali del Centro di Ricerche Agro-ambientali “E. Avanzi” a San Piero a Grado, dove sono presenti attività zootecniche e di produzioni vegetali.

Responsabile di progetto
Dr.ssa Marzoni Margherita
Dipartimento di Scienze Veterinarie
Viale delle Piagge, 2 – 56124 Pisa
e-mail: margherita.marzoni@unipi.it

This post is also available in: Inglese