Valdarnese bianca

Origine geografica: Toscana, area del fiume Arno

Consistenza attuale (FAO, 1998): minacciata conservata (Castillo et al., 2021)

Notizie storiche

Le prime notizie della gallina Valdarnese bianca risalgono alla fine dell’800, quando questa razza era rinomata per la qualità della carne e per la quantità di uova prodotte. Durante gli anni a seguire fino ai giorni nostri la Valdarnese è sempre stata una presenza costante dell’areale rurale toscano, fino ad essere impiegata come produttrice di carne e di uova in allevamenti estensivi ma consistenti.

Descrizione della razza

La Valdarnese bianca è una razza di taglia medio-grande con piumaggio bianco, che presenta, negli adulti e soprattutto nel gallo, striature giallo paglierino dal capo alla mantellina. I soggetti, maschi e femmine, hanno collo, petto e ali robuste con buono sviluppo muscolare, zampa lunga con coscia ben sviluppata e tarso lungo e forte. Non si riscontra un dimorfismo sessuale particolarmente evidente nella livrea. Cresta e bargigli sono di colore rosso vivo e notevolmente sviluppati, soprattutto nel maschio dove raggiungono dimensioni notevoli. Gli orecchioni, quasi assenti nella femmina, sono di colore bianco latte. Hanno un comportamento nevrile e ben si adattano ad alimentazioni rustiche, tuttavia, pur rimanendo grandi produttrici di uova, le galline di Valdarnese hanno una scarsa se non nulla attitudine materna.

Principali caratteristiche dei riproduttori adulti di razza Valdarnese bianca

Peso gallo Peso gallina Peso uovo
2,9-3 kg 1,7-1,9 kg 55-60 g
N. uova/anno Fertilità Schiusa/fertile
190-200 75-80% 70-80%

Modenese

Valdarnese bianca